Capraia l’isola dei totani

Breve vacanza con tre amici all’isola di Capraia. L’organizzatore, Massimo, ha un piccolo rifugio nell’isola, cha abbiamo sfruttato adeguatamente come ristorante ed albergo in questi giorni di permanenza. L’idea era di fare una gran pescata di totani sul più famoso pontile, per questo tipo di pesca, della Toscana. Il clima freddo, il grecale che tirava forte, e una certa aria di vacanze, ha fatto in modo che la pesca passasse in secondo piano. Per cui abbiamo potuto tranquillamente farci delle belle passeggiate su per le pendici dell’Isola alla scoperta di angoli da cui godere di fantastici panorami, trovare branchi di mufloni, mucche, cavalli. Però tornando alla pesca, il primo pomeriggio siamo andati a scoprire un posto “nuovo” con risultati non esaltanti, occhiate, saraghi, e pescioletti vari, di taglie non (importanti) esaltanti. A buio ci siamo avvicinati al pontile, ma c’erano già una ventina di pescatori che avevano preso i posti buoni. Abbiamo fatto alcuni tentativi, senza successo, e così siamo andati a casa a cucinare e mangiare il pescato. Il pomeriggio del secondo giorno, io ho deciso di prendermi il posto buono e alle tre e mezzo mi sono piazzato sul pontile. Un vento di grecale, gelido come se fossimo in Siberia spazzava il pontile e le voglie di restare a pescare. Vestito come un eschimese ho resistito alla tormenta e sono stato premiato con tre bei Totani. Unico pescatore a prenderli. Libidine doppia libidine. Nemmeno il professionista M……. ha battuto chiodo. Figurarsi Roberto cha ha passato l’intero pomeriggio al caldo nell’unico bar aperto. Alle otto di sera a casa a cucinarci i TOTANI.

Un grazie per la bella gita agli AMICI Massimo e Roberto. Questa isola ha bisogno di essere rivisitata e lo farò la prossima primavera.

Lancia la  —  SLIDESHOW —  di alcune foto fatte durante la vacanza.


Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cucina, Gite, Pesca, Vacanza e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.