Carnevale di Viareggio martedì grasso 2011. Fuochi a tempo di Musica

Meno male che ho deciso di andare al carnevale il martedì grasso. Per la verità avevo pensato di andare solo in darsena a mangiare un pò di pesce ai banchetti lungo la strada. Così ho fatto, mi sono fatto due porzioni di risotto al nero di seppia. Una con aggiunta di bietola. Ottimi. Mentre mangiavo ho saputo che ci sarebbe stato un corso mascherato anche alle 21. Mangiato i risotti, mi sono incamminato verso i viali dove sfilano i carri. Erano ancora fermi, e scorrendoli, con calma e senza la calca delle persone, ho potuto apprezzarli pienamente. Quando poi sono stati riempiti dai carristi e hanno cominciato a muoversi lo spettacolo è stato fantastico. La notte, forse, sono ancor più belli che di giorno. I colori risaltano di più.

Alle 23 sono stati annunciati i fuochi d’artificio. Sono stati i più belli che abbia mai visto. Lo dice uno che è un fissato. Non mi era mai capitato di vederli sparati nel cielo a tempo di musica. Fantastici.

E’ stata una chiusura esplosiva quella che ha decretato la fine del martedì grasso a Viareggio. Uno spettacolo piromusicale davvero suggestivo, alle 23.15 circa realizzato dall’ azienda Martarello di Rovigo ha saputo emozionare e al contempo divertire i presenti. I fuochi d’artificio sono stati lanciati a ritmo con la musica irradiata da potenti amplificatori e si è potuto assistere a uno spettacolo ricco di suggestioni. A differenza delle scorse edizioni, i presenti non sono rimasti attoniti ad osservare lo show, ma lo hanno vissuto a pieno, cantando, ballando sulle note di celebri canzoni di fama internazionale. Da Micheal Jackson ai Queen, per arrivare a Battisti; il programma è stato davvero vario ed entusiasmante. Ma ancora una volta, vogliamo che siano le immagini a parlare

L’ultima volta che il Carnevale sfilò gratis era sul finire degli anni Settanta. E senza cancelli fu il corso di chiusura; allora cadeva di Martedì Grasso. Poi da allora sempre sfilate a pagamento. Ma quest’anno la “liberalizzazzione” si ripete. E sempre di Martedì Grasso. Non per scelte politiche (negli anni Settanta la sinistra al governo della città pretese la gratuità del corso) ma per ragioni economiche e tecniche.

Inspiegabilmente YUOTUBE ha tolto il sonoro al mio video dei fuochi. Faccio notare che eventuali diritti d’autore avrebbero dovuto essere pagati dall’organizzatore. C’erano enormi altoparlanti e lo spettacolo era pubblicizzato come “piromusicale”. Pubblico altro filmato a dimostrazione di quanto dico.

video con la stessa musica

 

 

 

 

 

 

 


Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Carnevale, Fuochi Artificio e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.