Bagni San Filippo, Bagno Vignoni, acque termali.

Una lunga gita in Val d’Orcia mi ha portato, dopo aver visitato Bagno Vignoni, splendido paesino,

a Bagni San Filippo. Lo spettacolo che si presenta agli occhi degli avventori è davvero impressionante, soprattutto se si arriva di sera.

Le terme libere di San Filippo si presentano infatti come un luogo innaturale, tutto coperto da una lanugine bianca. E’ tutta colpa (o merito?) del boro, una sostanza contenuta nelle acque termali di Bagni San Filippo, che si deposita su tutto ciò che è intorno, lasciando un’impalpabile polvere bianca (tipo borotalco appunto) e che trasforma in tanti fantasmini tutti coloro che si aggirano tra queste acque rilassanti. La zona termale è costellata poi da numerose pozze e depositi calcarei su cui le acque termali fluiscono continuamente. Ogni tanto il flusso viene rotto da alcuni dislivelli del terreno, formando piccole cascatelle fruibili liberamente dai frequentatori del luogo.
Le acque termali, che sgorgano dalle numerose sorgenti circostanti, si raccolgono poi nel torrente Rondinaia.
La più caratteristica cascata solidificata è quella della Balena Bianca. Si tratta di un enorme deposito calcareo che somiglia davvero al dorso di una grande balena bianca che emerge dal sottosuolo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Gite e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.