Yamaha Tricker 250. Mi è cresciuta la famiglia

E dopo tanti anni, finalmente il cromosoma brwoommmm brwoommmm ha ripreso il sopravvento sulla vecchiaia, e le sue paure. Quelle che bloccano, quelle che ti fanno pensare a preservare la salute, le ossa, i dolori alla schiena ecc. ecc. Ho RICOMPRATO la MOTOE’ vero che avevo e mi terrò la mia cara VESPA, ma la voglia di scorrazzare per i boschi e le immense praterie della Toscana, mi ha costretto ad interessarmi ad un fuoristrada. C’era da decidersi se prendere qualcosa di esasperato, ho una moto tranquilla. Ha vinto la seconda, ci voglio andare a cercare i porcini. Le moto da motoalpinismo sul mercato sono sostanzialmente quattro. La TRICKER 250 della Yamaha, la TANGO 250 della Rieju ,  la LOCUSTA 200 della HM, la ALP 200 della Beta. Dopo aver passato notti insonni pensando a quale fosse la scelta migliore per me, alla fine il caso, mi ha fatto scegliere la TRICKER. Semplicemente fantastica. Potenza ai bassi, agilità e maneggevolezza ai massimi livelli. Il primo giorno di prova, ho fatto quasi 100 km. trai boschi del Monte Albano, sono arrivato fresco come una rosa. L’ho traversato in lungo e in largo dalle 10 alle 17.  Il mio amico Aleandro ha comprato anche lui una Tricker. Il nostro pellegrinare sul Monte Albano ci ha portato anche dagli ELFI

Non vi sono obblighi partecipativi: ognuno è libero di coinvolgersi nelle attività sociali secondo la propria disponibilità e attitudini. Nella Comunità degli Elfi tutti sono necessari ma nessuno è indispensabile. Ognuno quindi contribuisce alla propria maniera e in osmosi con il gruppo alla vita del villaggio perché i valori importanti sono la conoscenza e la reciproca fiducia. Vivono raccogliendo frutti ed erbe spontanee, coltivando ortaggi, cereali, castagne, olive e allevando alcuni capi di bestiame, il tutto esclusivamente per la loro sussistenza. I prodotti della terra e i raccolti vengono infatti ripartiti fra tutti i villaggi in base alle necessità. Il lavoro è manuale e di gruppo, oltre alle coltivazioni si lavora all’autoristrutturazione di diverse case in pietra abbandonate da oltre venti anni e per la maggior parte semidiroccate.

Che giri che faremo l’anno prossimo. Sono rinato, il sangue ha ricominciato a scorrere nelle vene con le bollicine.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Amici, Auto - Moto, Tricker 25o e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.