Capo Nord, anno 1989, con Yamaha Super Ténéré

Un’avventura da folle. Erano poche mesi che avevo la mia nuova moto, e come tutti i motociclisti “veri” dovevo misurarmi co il viaggio a Caponord.Naturalmente come la maggior parte delle volte, il viaggio fu in solitario. Mi ero stracaricato di vestiario per tutte le evenienze. L’ottanta per cento non fu mai neppure tolto dalle valigie. Peraltro devo dire che fu un viaggio di circa un mese e la pioggia l’ho trovata solo al rientro da monaco a casa. Tanta e ininterrotta però. Viaggio affascinante e pieno di avventure collaterali, ma che mi giurai non avrei più rifatto. Dalle Lofoten  verso nord è una assoluta noia. La discesa dalla Finlandia mi scioccò per i miliardi di zanzare che uccisi spiaccicate sulle visiera e sul petto. Ogni 20-30 km. ero costretto a fermarmi e lavare la visiera dalla quel non passava più luce. Tornerei invece a Stoccolma Helsinki e Copenhagen.

per le foto clicca  QUI